MPS soffre alla vigilia dell’assemblea

(Teleborsa) – Vigilia di tensione in casa MPS. Domani c’è attesa per l’assemblea dei soci pronta a dare il via libera all’aumento di capitale e a sciogliere diversi nodi tra cui la conversione dei bond in azioni. All’ordine del giorno c’è anche la nomina del nuovo Presidente.

E mentre ci interroga sul raggiungimento del quorum del 20% dei soci: soglia senza la quale non potrà precedere al via libera alla ricapitalizzazione, i piccoli azionisti sono pronti a chiedere in assemblea una revisione nella parte dell’aumento di capitale che prevede, per gli attuali soci, l’assegnazione della tranche junior della cartolarizzazione delle sofferenze ma non l’assegnazione di nuove azioni in opzione.
L’argomento è stato illustrato, nel corso di una conference call, all’amministratore delegato del Monte, Marco Morelli da Azione MPS associazione dei piccoli azionisti del Monte dei Paschi aderente al CONAPA.

Intanto, Rocca Salimbeni ha risposto alla richiesta formale di chiarimenti da parte della CONSOB rendendo note le integrazioni alle relazioni illustrative del Consiglio di Amministrazione, pubblicate in data 25 ottobre 2016 e 3 novembre 2016, relative ai punti 1. e 3. dell’ordine del giorno di parte straordinaria e punti 1. e 2. dell’ordine del giorno di parte ordinaria.

A Piazza Affari il titolo di MPS scivola del 2,23%

MPS soffre alla vigilia dell’assemblea
MPS soffre alla vigilia dell’assemblea