MPS, Padoan vs BCE: “la mancanza di informazione si traduce in opacità”

(Teleborsa) – Mentre i tedeschi invitano l’Italia a rispettare le regole sulle banche, il ministro dell’Economia Padoan s’interroga sulla vigilanza.

Proprio ieri il ministero delle Finanze tedesco ha espresso dubbi e timori sul piano di salvataggio di MPS, sottolineando che “la BCE e la Commissione europea devono controllare e assicurarsi che le autorità italiane si attengano alle regole europee”. Una ricapitalizzazione statale può essere una soluzione in casi eccezionali e a precise condizioni ma azionisti e creditori devono essere fra i primi a farsi carico delle perdite, precisa il portavoce specificando che “queste regole non devono essere aggirate”.

Sul tema è intervenuto anche il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, rispondendo però alla richiesta della BCE di alzare da 5 a 8,8 miliardi di euro l’aumento di capitale. La BCE, spiega il ministro, avrebbe dovuto fornire “qualche informazione in più sui criteri con i quali si è arrivati a questa valutazione”, perché “la mancanza di informazione si traduce in opacità e le cose opache inducono a interpretazioni quasi sempre sbagliate”. “Conoscere i criteri della valutazione della vigilanza è utile perché può dare indicazioni anche per gli altri istituti e per le altre Autorità”, ha aggiunto Padoan.

MPS, Padoan vs BCE: “la mancanza di informazione si traduce in opacità”
MPS, Padoan vs BCE: “la mancanza di informazione si traduce in&n...