Motociclisti, Confindustria ANCMA chiede incentivi alla sicurezza sulle due ruote

(Teleborsa) – L’incontro con il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, On. Luigi Casero e con il Vice Presidente della Commissione Trasporti On. Vincenzo Garofalo – svoltosi oggi a Milano – ha rappresentato l’occasione per un confronto tra il mondo politico, l’industria e il mondo della ricerca scientifica sulla sicurezza dei motociclisti e sul ruolo dell’abbigliamento protettivo.

In un Paese, come l’Italia, dove circolano circa 8 milioni di veicoli a due ruote, tra ciclomotori e motocicli, l’attenzione per la sicurezza degli utilizzatori è doverosa: scooter e moto, infatti, rappresentano una modalità di spostamento imprescindibile, soprattutto all’interno dei contesti urbani, favorendo la decongestione del traffico e la riduzione complessiva dell’inquinamento ambientale: secondo uno studio di Ambrosetti, se il 10% degli automobilisti passasse alle due ruote il risparmio di tempo che ne deriverebbe avrebbe un valore di  circa 1 miliardo di euro.

Nonostante i progressi nella riduzione dell’incidentalità stradale (-30% delle vittime su due ruote a motore negli ultimi 5 anni), molto lavoro resta ancora da fare, come dimostrano le 814 vittime e i 55 mila feriti di incidenti motociclistici verificatisi nel 2014, ultimo anno disponibile delle rilevazioni ACI/ISTAT.

Uno studio realizzato dall’Istituto Superiore di Sanità nell’ambito del progetto ST.E.P (Studio Efficacia Paraschiena), evidenzia che l’utilizzo del paraschiena riduce del 40% il rischio di riportare lesioni alla colonna, in caso di incidente: ciononostante, come emerge dello stesso studio, solo un quarto dei motociclisti utilizza questo dispositivo di sicurezza durante i propri spostamenti.

Secondo Confindustria ANCMA la diffusione di queste protezioni verrebbe favorita dall’introduzione di sgravi fiscali. Per questo motivo L’Associazione chiede alla politica di sostenere la richiesta di prevedere una detrazione del 50% del prezzo di acquisto di questi capi tecnici nella prossima Legge di Bilancio. La misura costerebbe alle casse pubbliche circa 2,5 milioni di euro a fronte di una riduzione dei costi sociali quantificabile in 21 milioni di euro.

Motociclisti, Confindustria ANCMA chiede incentivi alla sicurezza sulle due ruote
Motociclisti, Confindustria ANCMA chiede incentivi alla sicurezza sull...