Mercati europei di buon umore

(Teleborsa) – Brillante Piazza Affari, che si allinea alla buona performance delle principali borse europee e di Wall Street.

A rendere ottimisti gli operatori è l’attesa per i meeting di politica monetaria della Bank of Japan e della Fed e l’approssimarsi del vertice OPEC, che ha innescato un solido rally del greggio, con il WTI a 44,1 dollari al barile (+2,49%)

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,118. Seduta in lieve rialzo per l’oro, che avanza a 1.313,8 dollari l’oncia. 

Torna a scendere lo spread, attestandosi a 129 punti base, con un calo di 4 punti base,mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta all’1,31%.

Tra i mercati del Vecchio Continente buona performance per Francoforte, che cresce dello 0,99%, in primo piano Londra, che mostra un forte aumento dell’1,52%, sostenuta Parigi, con un discreto guadagno dell’1,43%.

Giornata positiva per la Borsa di Milano, con il FTSE MIB, che mostra una plusvalenza dell’1,28%; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share che guadagna l’1,22% rispetto alla seduta precedente, scambiando a 18.057 punti. In frazionale progresso il FTSE Italia Mid Cap (+0,49%), come il FTSE Italia Star (0,5%).

In luce sul listino milanese i comparti Chimico (+3,13%), Automotive (+2,69%) e Vendite al dettaglio (+2,46%). In fondo alla classifica, Petrolifero (-1,38%) e Viaggi e intrattenimento (-0,82%).

Tra i best performers di Milano, si distinguono Unicredit (+4,32%) in attesa dell’arrivo delle offerte per Pioneer, Azimut (+4,01%): Franklin Templeton sale al 5% del capitale, Unipol (+3,82%) e YOOX NET-A-PORTER (+3,46%). Corre Moncler (+2,90%), festeggiando l’ingresso nell’indice Stoxx Europe 600.
Le peggiori performance, invece, si registrano su Banco Popolare -2,24%, ENI -1,63% e UBI Banca -1,20%. Debole Banca MPS, con un calo frazionale dello 0,99%.

Sul listino completo in gran spolvero Bio On +12,89%: le sue bio plastiche saranno utilizzate per la prima volta per la diagnosi e cura dei tumori.

Mercati europei di buon umore