Mercati cauti. Focus su dati macro e risultati

(Teleborsa) – Le principali borse europee avviano la settimana all’insegna della cautela, con gli occhi degli investitori che restano puntati su dati macro e risultati societari, mentre sembrano lasciarsi alle spalle i timori legati al nuovo test missilistico della Corea del Nord.

L’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,173. L’Oro continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,16%. Lieve aumento per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un rialzo dello 0,46%.

Lo Spread tra il rendimento del BTP e quello del Bund tedesco si riduce, attestandosi a 155 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,10%.

Tra i mercati del Vecchio Continente piatta Francoforte, che tiene la parità. Bilancio decisamente positivo per Londra, che vanta un progresso dello 0,74%, grazie ai conti positivi di HSBC. Senza spunti Parigi. Piazza Affari continua la seduta con un guadagno frazionale sul FTSE MIB dello 0,28%. 

Automotive (+0,96%), Tecnologico (+0,88%) e Petrolifero (+0,73%) in buona luce sul listino milanese. In fondo alla classifica, sensibili ribassi si manifestano nel comparto Beni e servizi per l’industria, che riporta una flessione di -1,12%.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Ferrari (+1,67%) che festeggia la doppietta Vettel-Raikkonen in Ungheria. 

Bene inoltre STMicroelectronics (+1,12%) seguita da Yoox (+1,11%) e Italgas (+0,92%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Ferragamo, che continua la seduta con -0,53%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Maire Tecnimont (+1,74%), Piaggio (+1,30%), Aeroporto di Bologna (+1,22%) e Geox (+1,18%). Le peggiori performance, invece, si registrano su EI Towers, che ottiene -0,97%. Si muove sotto la parità Cementir, evidenziando un decremento dello 0,66%, dopo che Mediobanca ha tagliato il giudizio a neutral.

Mercati cauti. Focus su dati macro e risultati
Mercati cauti. Focus su dati macro e risultati