Media, la TV resta al top per gli italiani ma cresce il peso di internet

(Teleborsa) – Nel 2015 i media contavano circa l’1% del PIL italiano. Lo rileva l’Agcom, autorità garante per le comunicazioni, in un rapporto sul Sistema integrato delle comunicazioni (Sic), che comprende sia la TV, che la stampa e la pubblicità.

Il valore del settore è pari a 17,1 miliardi di euro, con una incidenza sul PIL pari all’1,05%. Fra i vari comparti, la radio e la TV fanno la parte da leone con un’incidenza dell’area radiotelevisiva pari al 49,5%. Cala il peso dell’editoria di circa un punto al 26,3%, mentre cresce il peso della pubblicità online al 9,7% più di quella esterna (al 2,2%) ed il cinema al 5,1% (beneficiario di fondi per 872 milioni). Le aree “below the line” restano stabili al 7,2%.

Per quanto concerne i servizi radiofonici, in base alle informazioni fornite dagli operatori del settore, nessuno realizza ricavi superiori al limite del 20% stabilito dal Testo Unico dei Servizi di Media Audiovisivi e Radiofonici (TUSMAR). Nell’abito del settore, i maggiori gruppi hanno un valore complessivo di 10 miliardi di euro, che rappresenta circa il 59% delle risorse totali del Sistema integrato delle comunicazioni.

Fra i grandi gruppi media al primo posto c’è la 21 Century Fox con il 15,4%, detenuto attraverso Sky Italia al 15,1% e Fox Network Group Italy allo 0,3%, mentre la Fininvest è al secondo posto con il 14,9%, in gran parte imputabile a Mediaset 13,3% ed in piccola parte ad Arnoldo Mondadori editore (1,4%). Terzo posto per la RAI al 13,7%, seguita da Gruppo Editoriale l’Espresso (3,3%), Google (3,2%), RCS MediaGroup (3%) Seat Pagine Gialle (1,4%) Facebook, Il Sole 24 Ore e Cairo Communication tutti all’1,3%.

Il settore TV vede ancora una bipolarità RAI-Mediaset, che rstano i due principali operatori in termini di audience, con il 34,4% e il  32,3% di quote di ascolto, pur attestandosi su livelli di share inferiori rispetto al 2012 .

L’editoria resta in crisi, soprattutto il settore dei quotidiani con 200 mila copie vendute in meno, mentre crescono le copie vendite online (+4,8%). Un rapporto dell’Agcom pubblicato prima di Natale evidenziava già un crollo dei ricavi del 30% negli ultimi 5 anni.

Nel mese di settembre 2016, 29,4 milioni di individui si sono collegati ad internet, 25,1 da dispositivi mobili (+4,4 milioni di individui in più rispetto a settembre 2015. Le prime 3 posizioni non presentano variazioni su base annua: in particolare, Google
resta stabile al primo posto con il 96,7% degli utenti che navigano in Internet. Mediamente la navigazione su Whatsapp
e Facebook supera di poco le 23 ore mensili per utente.

Media, la TV resta al top per gli italiani ma cresce il peso di internet
Media, la TV resta al top per gli italiani ma cresce il peso di i...