Manovra, l’Upb dà il via libera ma conferma l’esistenza di “fattori di rischio”

(Teleborsa) – Anche l’Ufficio Parlamentare di Bilancio dà un parziale via libera alla Manovra, che oggi è stata inviata a Bruxelles con una conferma di previsione del PIL a +1% e del rapporto deficit/PIL al 2,3%. Quest’ultimo implica che il governo userà solo tre quarti della flessibilità autorizzata dal parlamento, che indicava un deficit fino al 2,4%.

In precedenza, c’era stata una clamorosa bocciatura dell’Upb alle stime di crescita contenute nel DEF, ma sembra che a far mutare l’opinione sia stata proprio la previsione di un deficit al 2,3%, che riduce l’effetto moltiplicatore attribuito alla manovra. Secondo le “rielaborazioni” dell’ufficio parlamentare, l’obiettivo dell’1% appare “meno irrealistico” considerato che solo uno 0,6% sarebbe legato agli effetti espansivi della manovra e quindi più facilmente raggiungibile.

Resta però qualche perplessità, di cui peraltro non si fa cenno nel documento inviato a Bruxelles: per l’Upb “permangono alcuni fattori di rischio” che potrebbero incidere negativamente sugli obiettivi indicati per il 2017. 

L’evoluzione del PIL reale – aggiunge l’Upb, si conferma al limite superiore delle previsioni anche nel 2018 e 2019, “rafforzando i potenziali fattori di rischio delle ipotesi di crescita”.

Manovra, l’Upb dà il via libera ma conferma l’esistenza di “fattori di rischio”
Manovra, l’Upb dà il via libera ma conferma l’esistenza d...