Madrid in picchiata tra gli eurolistini. Piazza Affari cede alle vendite

(Teleborsa) – Le borse europee tagliano il traguardo senza particolare verve, mentre Piazza Affari chiude in calo, seconda nelle vendite solo alla borsa di Madrid che da giorni sconta l’esito del voto catalano.

A penalizzare la borsa di Milano, il comparto bancario dopo la nuova stretta attesa dalla BCE sulle sofferenze delle banche. 

Sul valutario, l’Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,176. Stabile anche l’oro, che continua la sessione sui livelli della vigilia a quota 1.274,2 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) di ferma sui livelli della vigilia a 50,43 dollari per barile.

Nello scenario borsistico europeo giornata moderatamente positiva per Francoforte, che sale di un frazionale +0,53%. Invariata Londra che riporta un misero -0,01%. Debole parità Parigi (-0,08%). Giornata “no” per la Borsa italiana, in flessione dell’1,44% sul FTSE MIB. Sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share perde l’1,26%

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, tonicaLuxottica che cresce dello 0,82%.

In salita Recordati che riflette un moderato aumento dello 0,69%.

Tiene Campari che ha annunciato la vendita del business Lemonsoda 

I più forti ribassi, invece, si abbattono sul comparto bancario.

In picchiata Banco BPM che chiude la seduta con -5,30%.

Pesante UBI Banca che segna una discesa di 3,76 punti percentuali.

In calo Banca Generali (-2,97%)

Seduta no per BPER che crolla del 2,96%.

Debutto in retromarcia per Pirelli  tornata in Borsa dopo 19 mesi di assenza.

Madrid in picchiata tra gli eurolistini. Piazza Affari cede alle vendite
Madrid in picchiata tra gli eurolistini. Piazza Affari cede alle ...