Le Borse europee si avviano a chiudere il miglior mese dell’anno

(Teleborsa) – Tutti segni più tra le principali Borse europee in quello che si avvia ad essere il miglior mese dell’anno.

Dopo un avvio tentennante gli investitori hanno scelto la via dei guadagni, seppure limitati in scia all’assenza di elementi particolarmente market mover e in attesa di maggiori delucidazioni in materia di politica monetaria e dal fronte della riforma fiscale targata Donald Trump che, come promesso dallo stesso Presidente USA, dovrebbe mettere le ali all’economia americana. Economia che per ora gode di buona salute, come confermato dall’inattesa revisione al rialzo del PIL.

Buone nuove sono giunte anche dall’Europa: la disoccupazione tedesca è scesa ai minimi storici, mentre l’inflazione dell’Area Euro ha deluso le attese ma non di tanto. Tutti elementi, questi, che potrebbero portare la Banca Centrale europea ad avviare il tapering, ossia la riduzione graduale degli stimoli.

Sul valutario l’Euro / Dollaro USA prosegue gli scambi con un guadagno frazionale dello 0,29% mentre tra le commodities l’oro sale a 1.288,8 dollari l’oncia, il petrolio (Light Sweet Crude Oil) è stabile a 51,61 dollari per barile.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota 164 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,09%, all’indomani dell’asta di BTP a due colori.

Tra i singoli listini Francoforte riflette un moderato aumento dello 0,36%, Londra un +0,13% mentre Parigi segna un +0,14%. 

Sulla stessa linea Piazza Affari, con il FTSE MIB che avanza dello 0,14%, il FTSE Italia All-Share dello 0,12%. 

Tra i best performers di Milano, in evidenza UBI Banca (+1,06%) e Generali Assicurazioni. Quest’ultima, che ieri ha annunciato la velocizzazione del processo di riorganizzazione delle attività tedesche, beneficia di una promozione degli analisti.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Banco BPM, vittima di prese di profitto dopo le corse dei giorni precedenti sostenute dalle aspettative per la cessione della divisione di bancassurance. 

Debole Telecom Italia all’indomani del CdA che ha nominato il nuovo AD e del comitato governativo che ha deciso di multare Vivendi per violazione degli obblighi di notifica. 

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Anima Holding (+1,65%), Piaggio (+1,42%), Datalogic (+1,32%) e FILA (+1,12%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su IMA, che prosegue le contrattazioni a -3,98%.

Dimessa Fincantieri ancora per via di prese di profitto (il titolo ha guadagnato il 150% negli ultimi 12 mesi), mentre il mercato ragiona sulla risoluzione del dossier STX e sulla futura cooperazione con Naval.

Le Borse europee si avviano a chiudere il miglior mese dell’anno
Le Borse europee si avviano a chiudere il miglior mese dell’...