Lavoro, sicurezza e prevenzione producono benefici molto superiori ai costi

(Teleborsa) – Applicare la normativa per la prevenzione sul lavoro fa risparmiare grane e denaro alle PMI. E’ quanto emerge da un’analisti costi-benefici delle norme in tema di sicurezza sul lavoro e prevenzione. L’INAIL prevede addirittura degli “sconti” contributivi per le aziende che applicano misure di prevenzione. 

QUALE COSTO DELLA MANCATA SICUREZZA?

“I costi cui si va incontro se non si applica la normativa del DL 81 possono avere varia origine: sanzioni, produttività, mancati risparmi”, ricorda Alessandra Gentile, amministratrice di H2000 Italia, società che distribuisce servizi di prevenzione e medicina del lavoro in tutta Italia.

In generale, il quadro normativo è definito dal D.Leg.81 del 2008 (Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro) e dal successivo D.L.106 del 2009, che assieme definiscono infortuni e malattie, le mancanze del datore di lavoro e le relative sanzioni. Le sanzioni sono pecuniarie per l’azienda e penali per il datore di lavoro.

PREVENIRE E’ MEGLIO CHE CURARE

I vantaggi della prevenzione in azienda non vanno però calcolati solo in base alle sanzioni possibili, ma soprattutto considerando i benefici che questa produce. Fra questi la maggiore produttività dei lavoratori di aziende in cui si fa prevenzione (minore assenteismo, minori rischi di infortunio e malattia, minore stress, maggior coinvolgimenti e motivazione ecc.).

La gestione della salute e della sicurezza costituisce poi un elemento strategico. Esistono moltissimi studi a supporto del fatto che le aziende che hanno investito in sistemi di salute e sicurezza sono anche in grado di ottenere un vantaggio competitivo sul mercato in termini di reali miglioramenti in produttività ed efficienza aziendali (comunicazione, immagine, sostenibilità, minor turnover involontario, etica e responsabilità, soddisfazione dipendenti): le aziende Best-in-Class nella gestione della sicurezza, registrano un tasso di frequenza degli infortuni dello 0,05% mantenendo l’indice di efficacia del workplace (forza lavoro) al 90% (fonte Healthway). 

Esistono poi benefici economici quantificabili in denaro relativi alla prevenzione non obbligatoria per legge, attraverso “sconti” sui contributi INAIL. Si tratta di un risparmio di migliaia di euro/anno per le PMI o le grandi aziende italiane. L’INAIL, infatti, offre la possibilità di ridurre il premio annuale alle imprese “virtuose”, mediante lo sconto denominato “Oscillazione per prevenzione OT24“. Questo sconto riduce il tasso di premio applicabile all’azienda in misura fissa ed in relazione al numero dei lavoratori (28% fino a 10 lavoratori/anno, 18% da 11 a 50 lavoratori/anno, 10% da 51 a 100 lavoratori/anno e 5% oltre i 200 lavoratori/anno).

Lavoro, sicurezza e prevenzione producono benefici molto superiori ai costi
Lavoro, sicurezza e prevenzione producono benefici molto superiori ai&...