L’ABI replica al Comitato vittime del salva banche

(Teleborsa) – L’Associazione Bancaria Italiana (ABI) “non svolge alcuna funzione di indirizzo o controllo sull’operato dei propri Associati, che agiscono in completa autonomia e in concorrenza fra loro”.
A specificarlo il Direttore Generale dell’ABI, Giovanni Sabatini, in relazione a quanto dichiarato dal “Comitato vittime del salva banche”, precisando che l’Associazione Bancaria Italiana è un’associazione privata di banche e società che svolgono attività finanziaria, che ha per statuto il compito di rappresentare e tutelare i legittimi interessi degli Associati in un’ottica concorrenziale coerente con le normative nazionali, dell’Unione Europea e internazionali.

L’ABI, dunque, “non riceve alcuna informazione in merito dalle Autorità preposte alla vigilanza né dai medesimi associati sulle loro attività in analogia a quanto succede per le altre associazioni di categoria non finanziarie”.

L’ABI replica al Comitato vittime del salva banche
L’ABI replica al Comitato vittime del salva banche