La Corte Costituzionale chiamata a decidere sulle pensioni bloccate

(Teleborsa) – Sono ormai 7 le ordinanze di remissione in Corte costituzionale del blocco della perequazione per il biennio 2012-2013

Il blocco in questione per gli assegni INPS superiori a tre volte il minimo è stato ribadito dalla legge 65/2015 che sarà scrutinata dal giudice delle leggi. Le ultime due ordinanze in ordine di tempo (nn. 32 e 33 emesse dalle Corti dei Conti di Abruzzo e Piemonte) sono state ottenute nel dicembre 2016 grazie all’azione legale promossa dalla Confedir, dichiara il segretario organizzativo e Presidente Anief Marcello Pacifico.

Il presidente del sindacato della scuola invita tutti ad inviare la diffida per interrompere i termini di prescrizione in attesa della pronuncia della Consulta che ha già dichiarato illegittimo il precedente blocco previsto dall’art. 24, c. 25 del DL 201/2011 come convertito dalla legge 214/2011 con la sentenza n. 70/2015 e  consiglia di aderire al ricorso in convenzione con Radamante. Secondo Pacifico: “stiamo diventando sempre più un popolo di anziani: presto 1 italiano su 3 sarà ultra 65enne, servono provvedimenti straordinari e non alzare gli anni di contributi”.

La Corte Costituzionale chiamata a decidere sulle pensioni bloccate
La Corte Costituzionale chiamata a decidere sulle pensioni blocca...