Juncker rimprovera l’Italia: “Senza flessibilità 19 miliardi in meno”

(Teleborsa) – Jean Claude Juncker, presidente della Commissione Europea è critico nei confronti dell’Italia.

“Se non avessimo introdotto la clausola degli investimenti, l’Italia quest’anno avrebbe potuto spendere 19 miliardi di meno”. Il Presidente della Commissione UE lo ha detto parlando durante la seduta plenaria del Comitato Economico Sociale Europeo (CESE). 

“Nel patto di stabilità, che non deve essere un patto di flessibilità, abbiamo già introdotto molti elementi di flessibilità combattendo contro chi sapete” ha dichiarato Juncker che ha sottolineato come “l’Italia sia l’unico Paese che benefici della clausola degli investimenti”.

Durante il suo discorso, il numero uno di Bruxelles ha scattato una fotografia sconfortante dell’Unione Europea dove è in atto una “policrisi”. Secondo Juncker, l’Unione va molto male. Le rotture e le fessure sono numerose e pericolose”, senza contare poi  i numerosi problemi gravi con cui è alle prese l’Unione Europea: “crisi dei rifugiati, Brexit e mancanza di investimenti”.

Se sui conti pubblici Bruxelles bacchetta l’Italia, sull’emergenza migranti, Juncker ha spezzato una lancia a favore del Paese. “Sui migranti ammiro lo sforzo dell’Italia per l’accoglienza”.

Juncker rimprovera l’Italia: “Senza flessibilità 19 miliardi ...