Istat: aumenta pressione fiscale, nel primo trimestre è al 38,9 per cento

Cresce la pressione fiscale, insieme al reddito e la capacità d’acquisto delle famiglie. Deficit/Pil ai minimi dal 2000

Cresce la pressione fiscale e aumentano anche il reddito e la capacità d’acquisto delle famiglie. È quanto emerge dai dati Istat relativi ai primi tre mesi dell’anno, secondo cui il rapporto percentuale tra il prelievo fiscale e parafiscale e il prodotto interno lordo (Pil) ha raggiunto il 38,9%, con un aumento di 0,3 punti rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Ad aumentare è stato anche il reddito disponibile delle famiglie, cresciuto dell’1,5% rispetto al trimestre precedente e del 2,4% in un anno. I consumi sono invece aumentati del 2,6% e dell’1,3% rispetto al trimestre precedente. Per entrambi i valori si è registrato un incremento maggiore dal 2011.

Buoni i dati sul fronte della propensione al risparmio, che raggiunge l’8,5%, con un incremento dello 0,3, di pari passo con l’incremento del potere d’acquisto delle famiglie che ha registrato un aumento dell’1,2% su base annua, e dello 0,8 rispetto al trimestre precedente.

Per quanto riguarda le imprese, resta invariata rispetto al trimestre precedente la quota di profitto delle società non finanziarie, pari al 42,0%, mentre scende il tasso di investimento al 19,9%, rispetto al 20,4% dei primi tre mesi dell’anno.
I dati più positivi riguardano però la disciplina di bilancio. L’indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è stato pari al 4,3%, inferiore di 0,6 punti rispetto all’anno scorso. Per l’Istat non si riscontrava un valore così basso dal 2000. A risultare negativi sono stati sia il saldo primario che quello corrente: nel primo caso il Pil è sceso da -1,4% nel primo trimestre 2016 a -0,6%, nel secondo, da -2,2% a -1,7%.

Stando ai calcoli dell”Istituto Nazionale di Statistica, gli interessi passivi sul debito sono risultati del +8,6% nei primi mesi dell’anno e sono saliti anche gli esborsi relativi a stipendi (+0,5%), consumi intermedi (+0,7%) e prestazioni sociali (+1,4%). Per le altre uscite correnti c’è stata invece una contrazione del 3,4%.

Istat: aumenta pressione fiscale, nel primo trimestre è al 38,9 per cento
Istat: aumenta pressione fiscale, nel primo trimestre è al 38,9 per&n...