Indici positivi. Milano stacca i dividendi

(Teleborsa) – Il segno è positivo in questa prima seduta della settimana, per le principali borse europee. I listini azionari, dopo un avvio debole, hanno preso la via del rialzo seguendo anche la buona intonazione che veniva dai mercati statunitensi. 

Anche Piazza Affari è riuscita ad azzerare le vendite di metà mattina, nel giorno in cui sette big hanno staccato i dividendi. Sullo sfondo resta il nervosismo legato all’esito del referendum costituzionale, che tiene il mercato sotto scacco ormai da diverse settimane.

L’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,06. L’Oro prosegue gli scambi con guadagno frazionale dello 0,26%. Pioggia di acquisti sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che porta a casa un guadagno del 3,76%.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 177 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,06%.

Tra le principali Borse europee sostanzialmente invariato Francoforte, che riporta un +0,19%. Resta vicino alla parità Londra (+0,03%). Resistente Parigi, che segna un piccolo aumento dello 0,56%. Sostanzialmente stabile Piazza Affari, che archivia la sessione sui livelli della vigilia con il FTSE MIB che si ferma a 16.297 punti.

Alla chiusura della Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna risulta essere stato pari a 1,94 miliardi di euro, in deciso ribasso (-28,52%), rispetto alla seduta precedente che aveva visto la negoziazione di 2,72 miliardi di euro; mentre i contratti si sono attestati a 260.028, rispetto ai precedenti 315.325 ed i volumi scambiati sono passati da 1,46 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,98 miliardi.

Su 217 titoli azionari trattati in Piazza Affari, 146 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i rialzi sono stati 56. Invariate le rimanenti 15 azioni.

Buona la performance a Milano dei comparti Materie prime (+2,78%), Petrolifero (+1,64%) e Tecnologico (+1,21%). In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si sono manifestati nei comparti Chimico (-2,81%), Immobiliare (-2,55%) e Banche (-1,38%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, svetta Saipem che segna un importante progresso del 3,44% sulla risalita del petrolio insieme a Tenaris, +2,79%.

Nel lusso, brilla Luxottica, con un forte incremento (+2,31%).

Ben comprata Cnh Industrial, che segna un forte rialzo dell’1,62%.

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Azimut, che ha chiuso a -6,65%. Nel settore finanziario, seduta difficile per Banca MPS, -4,65% in una settimana cruciale per la banca senese. Sensibili perdite per Banca Popolare di Milano, in calo del 3,87%. In apnea Banco Popolare, che arretra del 3,72%.

Indici positivi. Milano stacca i dividendi
Indici positivi. Milano stacca i dividendi