Imprese, ne sono nate 41 mila nel 2016 e in gran parte “giovani”

(Teleborsa) – Il 2016 chiude con 41 mila imprese in più, fra quelle che hanno chiuso i battenti e quelle nate nel corso dell’anno, registrando una crescita dello 0,7% rispetto al 2015. Lo rileva il consueto rapporto realizzato da Unioncamere e InfoCamere.

In realtà, le iscrizioni sono ai minimi da un decennio (poco più di 363 mila in 12 mesi), ma le chiusure hanno frenato (322 mila), portando il totale delle PMI italiane a poco meno di 6,1 milioni. 

Impazzano le imprese giovanili: 1 su 10 è guidata da un under 35 e nell’anno sono cresciute di oltre il 10% (64 mila in più del 2015). Un dato che conferma un recente studio sulle imprese giovanili.

Fra le attività più quotate vi sono Bed and breakfast, consulenti, giardinieri, parrucchieri e addirittura tatuatori, mentre scemano le attività più tradizionali come la manifattura (artigiani) e l’edilizia. La gran parte delle imprese nate lo scorso anno opera in 3 soli settori: turismo, commercio e servizi alle imprese.

Imprese, ne sono nate 41 mila nel 2016 e in gran parte “giovani”
Imprese, ne sono nate 41 mila nel 2016 e in gran parte “giovani&...