Il Petrolio fa marcia indietro. Baker Hughes aumenta i pozzi attivi

(Teleborsa) – Prezzi del petrolio in calo, penalizzati da un dollaro più forte e dalla crescita delle piattaforme attive negli Stati Uniti. 

Sui mercati internazionali, il future sul Light Crude al Nymex cede lo 0,14% a 50,28 dollari al barile, mentre il Brent all’IPE di Londra sale dello 0,58% a 50,1 usd/b. 

Il corso delle quotazioni ha preso la via del ribasso, nel fine settimana, dopo il report rilasciato da Baker Hughes sui pozzi attivi. Dai dati del colosso industriale statunitense è emerso che il numero di piattaforme petrolifere attive negli Stati Uniti è aumentato di altre quattro unità, a quota 432, salendo per la sedicesima settimana consecutiva.

Il petrolio è scambiato in dollari e, un dollaro più forte, rende la materia prima più costosa per i trader che operano in valuta diversa.

Il Petrolio fa marcia indietro. Baker Hughes aumenta i pozzi attivi
Il Petrolio fa marcia indietro. Baker Hughes aumenta i pozzi atti...