Il DEF in Aula: maggioranza sollecita la revisione del target di deficit

(Teleborsa) – La Nota di aggiornamento al DEF sbarca in Aula, dopo il via libera della commissione Bilancio della Camera. All’ìesame di Montecitorio vi sarà anche l’ipotesi di sforamento del deficit fino allo 0,4%, che verrà messa al voto.

Nella risoluzione preparata dai capigruppo della maggioranza, si chiede al governo di “valutare l’opportunità” di rivedere al rialzo di 0,4 punti l’obiettivo di deficit per il 2017, portandolo dal 2% al 2,4%. Un aumento che, di fronte ad una valutazione prudenziale di crescita del PIL, risponde all’esigenza di tener conto delle emergenze terremoto e flussi migratori. 

Nella risoluzione è poi contenuto l’impegno per il governo a “promuovere” in UE un processo di revisione delle metodologie di calcolo del PIL che garantiscano un “sentiero di crescita sostenuto e più omogeneo” e ad adoperarsi affinché vi sia un “maggiore coordinamento delle politiche fiscali degli stati dell’Eurozona”. 

La maggioranza fa riferimento poi alle privatizzazioni, come fonte di entrata per lo Stato, e ad una serie di misure fra cui: un piano di contrasto della povertà, iniziative per promuovere il diritto allo studio universitario, sgravi contributivi per le fasce deboli (Sud, donne, disoccupati), innalzamento della No Tax area e cosi via.

Il DEF in Aula: maggioranza sollecita la revisione del target di deficit
Il DEF in Aula: maggioranza sollecita la revisione del target di ...