Google “rispettosamente in disaccordo” con Bruxelles medita il ricorso

(Teleborsa) – Google pagherà la maxi multa comminata dall’Unione Europea o tenterà di dare del filo da torcere a Margarethe Vestager e colleghi?

E’ questa la domanda che aleggia nelle sale operative e sui media di tutto il mondo dopo la stangata inflitta da Bruxelles al gigante del web per abuso di posizione dominante.

In un comunicato inviato alla Securities and Exchange Commission (SEC), la Consob statunitense, la parent company Alphabet fa sapere che “riesaminerà la decisione finale” ma nonostante ciò metterà a bilancio la multa nel secondo trimestre del 2017.

Sul suo blog, invece, Google afferma: “siamo rispettosamente in disaccordo con le conclusioni annunciate oggi. Riesamineremo dettagliatamente la decisione della Commissione considerando la possibilità di ricorrere in appello”.

Si prospetta dunque un braccio di ferro con l’Antitrust europeo, noto per aver vinto tutte le cause legali di questo genere.

Google “rispettosamente in disaccordo” con Bruxelles medita il ricorso
Google “rispettosamente in disaccordo” con Bruxelles medit...