Giappone, Kuroda ottimista sulla crescita ma vede ancora rischi

(Teleborsa) – La banca centrale del Giappone manterrà la sua politica espansiva contrariamente alle sue controparti statunitensi (Fed) e europee (BCE) che già più volte già hanno manifestato chiaramente l’intenzione di iniziare a ridurre gli stimoli monetari. E’ quanto ha confermato il governatore della BoJ, Haruhiko Kuroda, a margine del G-20 di Washington che avrà inizio proprio oggi.

Il banchiere ha espresso ottimismo sulla sostenibilità della crescita globale, ma si è detto anche perplesso su alcuni fattori di rischio come le tensioni geopolitiche e l’evoluzione delle scelte di politica monetaria statunitense. Secondo i media giapponesi, tali scelte si riferiscono alla prevista riforma fiscale decisa dal presidente USA, Donald Trump e alle aspettative su un rialzo dei tassi di interesse da parte della Fed.

“Sebbene ci siano rischi, inclusi quelli di natura geopolitica, lo scenario più plausibile per l’economia globale è quello di una crescita stabile con fasi di accelerazione” – ha spiegato Kuroda – aggiungendo che l’economia nipponica si sta “espandendo moderatamente e in condizioni favorevoli di mercato”, favorita da un ciclo di trasformazione del reddito in aumento dei consumi.

Giappone, Kuroda ottimista sulla crescita ma vede ancora rischi
Giappone, Kuroda ottimista sulla crescita ma vede ancora rischi