Giappone, il Ministro delle finanze ribadisce: “la ripresa non dipende solo della banca centrale”

(Teleborsa) – Non è solo compito solo delle banche centrali riavviare la crescita economica, ma i governi devono fare di più, con gli strumenti di politica economica e le riforme. 

Un concetto ribadito a più riprese dal Presidente della BCE, Mario Draghi, ma il concetto viene ripreso oggi anche dal Ministro delle finanze giapponese, Taro Aso, nel corso di un meeting del Gabinetto, facendo riferimento alle decisioni assunte dalla Bank of Japan due giorni fa.  

Secondo il ministro, “il governo giapponese non dovrebbe fare affidamento unicamente sulla Bank of Japan” per rilanciare la crescita economica e combattere la deflazione. 

“Capisco che questa decisione è stata presa come un passo necessario per centrare il target del 2% di inflazione il prima possibile”, ha detto il titolare delle finanze, sottolineando però che il governo deve portare avanti le riforme ed i suoi piani per rilanciare l’economia. 

“Il Governo e la BOJ condividono la responsabilità politica di metter fine alla pressione deflazionistica e raggiungere la crescita sostenibile”, ha detto, precisando “Noi non intendiamo chiedere solo alla banca centrale di risolvere il problema”. 

Taro Aso ha confermato che intende chiedere al parlamento di approvare una spesa straordinaria di 28 mila miliardi di yen, nella seduta del 28 settembre, per finanziare il pacchetto di misure di stimolo predisposto dal governo

Giappone, il Ministro delle finanze ribadisce: “la ripresa non d...