Generali conferma i target al 2018

(Teleborsa) – Il Gruppo Generali  presenta oggi all’Investor Day l’aggiornamento del piano strategico.

Generali conferma i target annunciati a maggio 2015. “Anche in presenza di un contesto macroeconomico progressivamente peggiorato negli ultimi 18 mesi e di un elevato grado di incertezza sulle prospettive future dei mercati, il Gruppo punta a raggiungere entro il 2018 un Net Free Cash Flow cumulativo di oltre 7 miliardi di euro e i dividendi aggregati supereranno i 5 miliardi. Nel raggiungere questi target, Generali conferma un livello di redditività sul capitale (RoE) superiore al 13% in media durante il periodo di piano (2015-2018) .

La solidità della posizione di capitale, le performance tecniche tra le migliori del settore assicurativo, la qualità e la capillarità delle reti distributive proprietarie, la presenza e il posizionamento nei mercati più attrattivi e promettenti sono le fondamenta su cui si basa la forza del Gruppo. Per continuare a essere competitivi ed eccellere in un contesto incerto come quello attuale, il Gruppo punta ad accelerare l’esecuzione della strategia attraverso sei azioni volte a migliorare la performance operativa e creare valore a lungo termine.

Generali indica tre azioni per migliorare la performance operativa:

Ottimizzazione della presenza geografica. Il Gruppo intende mantenere una presenza geografica globale e diversificata focalizzandosi sui mercati chiave dove già oggi è tecnicamente forte e uscire dai mercati meno profittevoli. Continua così il processo di razionalizzazione, già avviato con la dismissione dei business in Guatemala e Lichtenstein, che porterà a ricavi pari ad almeno 1 miliardo entro il 2018.

Razionalizzazione della macchina operativa. Nei mercati maturi Generali avvierà un processo di ristrutturazione, integrazione e semplificazione che consentirà una significativa riduzione netta dei costi per 200 milioni, mentre nei mercati in espansione procederà con una crescita disciplinata del business. 

Rafforzamento delle competenze assicurative. Nel ramo Danni, il Gruppo perseguirà una crescita profittevole che gli consentirà di conseguire entro il 2018 un ulteriore miglioramento dell’ottimo livello di CoR. Nell’Auto verrà rafforzata la sofisticazione delle tariffe. Nel Non Auto verranno promosse offerte innovative per spingere la crescita del segmento (premi diretti lordi tra il 2% e il 4% al 2018), tra cui prodotti connessi (Smart Home), prodotti modulari, prodotti per i rischi emergenti (cyber risk). Nella gestione sinistri si garantirà l’eccellenza tecnica e di servizio attraverso, ad esempio, una migliore identificazione delle frodi e l’uso di analytics .Nel ramo Vita il Gruppo perseguirà la crescita della quota di nuova produzione con prodotti a basso assorbimento di capitale (+8 p.p. nei tre principali mercati: Italia, Germania, Francia).

Il gruppo ha individuato tre azioni per  creare valore a lungo termine:

Ribilanciamento della struttura del portafoglio. Nel ramo Vita, il Gruppo si propone di modificare la struttura di portafoglio ribilanciandosi verso prodotti a più basso assorbimento di capitale.

Innovazione con focus su clienti e reti distributive. Il progetto Net Promoter Score, che rileva il livello di soddisfazione della clientela, ha consentito di individuare quelle aree di miglioramento su cui ora il Gruppo si focalizzerà (maggior chiarezza nella comunicazione con la polizza riassunta in un’unica pagina, velocità di risoluzione attraverso anche aggiornamenti automatici con sms e App, semplificazione e digitalizzazione nella gestione delle pratiche). Contemporaneamente sono state individuate altre due iniziative ad alto impatto: il Mobile Hub, basato su una comunicazione diretta assicurato-agente-compagnia, attraverso l’uso dello smartphone. Dall’insieme di queste iniziative il Gruppo si attende in tre anni un aumento della retention di 2 p.p.

Rafforzamento del brand. Il Gruppo mira ad aumentare la visibilità del brand e il livello di preferenza per diventare entro il 2022 la prima scelta. Per raggiungere questo obiettivo, Generali procederà a snellire il portafoglio dei brand, ottimizzare gli investimenti attuali e a far leva sulle efficienze cross-border.

 

Generali conferma i target al 2018
Generali conferma i target al 2018