Francia, cresce il disavanzo commerciale a luglio

(Teleborsa) – Peggiora la situazione dei conti con l’estero per la Francia, che mostra a luglio un deficit di 6 miliardi di euro, dal rosso di 4,9 miliardi riportato precedentemente (il preliminare era di 4,7 miliardi). Il dato è sensibilmente peggiore delle attese degli analisti, che avevano stimato un disavanzo di 4,5 miliardi.

Secondo quanto comunicato dall’Ufficio doganale francese, l’export è salito dello 0,5% a 39,2 miliardi, mentre le importazioni sono cresciute del 3% a 45,3 miliardi.

Aumenta anche il deficit delle partite correnti francese, attestandosi nel mese a 4,2 miliardi di euro rispetto al saldo negativo di 2,4 miliardi di giugno (dato rivisto dalla prima lettura pari a -2,1 miliardi). Lo rivela la Banque de France.

Le partite correnti non sono altro che la somma della bilancia commerciale (data dalle differenza tra esportazioni ed importazioni) e gli interessi e dividendi maturati sul debito estero accumulato per finanziare esportazioni nette negative (cioè quando il valore delle importazioni supera quello delle esportazioni).

Francia, cresce il disavanzo commerciale a luglio
Francia, cresce il disavanzo commerciale a luglio