Federalismo fiscale, il Fondo di solidarietà danneggia i piccoli comuni

(Teleborsa) – Il nuovo Fondo di solidarietà comunale penalizzerà i comuni piccoli e quelli medio-grandi, mentre le grandi città nel 2017 perderanno i benefici accumulati quest’anno. E’ questo la valutazione fatta dall’Ufficio Parlamentare di bilancio (UPB) ed annunciata dal componente del Consiglio Alberto Zanardi, nel corso di un’audizione sul federalismo fiscale. 

In particolare, è stato analizzato il meccanismo di perequazione del Fondo di solidarietà comunale (FSC), al secondo anno di operatività, con particolare attenzione agli effetti redistributivi prodotti nel 2016 ed alle novità nel calcolo dei fabbisogni standard introdotte per il 2017.

Per fare un esempio, in un comune grande come Milano, la riduzione di risorse derivante dalla maggior capacità fiscale (440 euro) viene quasi completamente compensata dai maggiori fabbisogni riconosciuti (350 euro). Dalla relazione emerge poi che la penalizzazione dei comuni più piccoli è più ampia al Sud che al Nord. 

Zanardi ha presentato anche una simulazione, nel caso in cui il meccanismo di perequazione, attualmente applicato solo in parte, fosse utilizzato integralmente: l’analisi evidenzia che un comune come Roma accrescerebbe la sua dotazione di risorse del 23% rispetto ai suoi livelli storici, mentre Napoli subirebbe una riduzione del 24,3%.

Federalismo fiscale, il Fondo di solidarietà danneggia i piccoli comuni
Federalismo fiscale, il Fondo di solidarietà danneggia i piccoli ...