Export tricolore in frenata verso l’UE

(Teleborsa) – Frena ancora a luglio l’export italiano registrando un calo mensile dello 0,6% mentre le importazioni mostrano un recupero dello 0,5%. Il surplus commerciale è di 7,8 miliardi, inferiore a quello di luglio 2015 (+8,1 miliardi).

La flessione congiunturale dell’export, spiega l’Istat, è la sintesi di un calo delle vendite verso i mercati UE (-1,1%) e di un lieve aumento di quelle verso l’extra UE (+0,2%). I prodotti energetici registrano una marcata diminuzione (-13,1%), mentre i beni di consumo durevoli (+1,6%) e i beni intermedi (+0,5%) risultano in crescita.

Nel trimestre maggio-luglio 2016, rispetto al trimestre precedente, l’aumento delle esportazioni (+0,7%) è determinato esclusivamente dall’area UE (+1,6%). I prodotti energetici registrano l’espansione più consistente (+17%).

L’Istituto di statistica spiega inoltre che la marcata flessione tendenziale dell’export (-7,3%), di ampia intensità sia per l’area extra UE (-8,8%) sia per l’area UE (-6,1%), è significativamente condizionata dalla differenza nei giorni lavorativi (21 a luglio 2016 contro i 23 di luglio 2015). 

Le vendite di prodotti petroliferi raffinati (-31,7%) sono in forte diminuzione, mentre le esportazioni di mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi, (+4,5%) contrastano la diminuzione tendenziale dell’export.

Export tricolore in frenata verso l’UE
Export tricolore in frenata verso l’UE