Eurozona, migliora il settore manifatturiero

(Teleborsa) – L’inizio del 2017 ha segnato un forte miglioramento delle condizioni operative del settore manifatturiero dell’Eurozona. Sostenuta dalla maggiore affluenza dei nuovi ordini e dalla più veloce creazione dei posti di lavoro da metà 2011, la crescita di gennaio riconferma il valore record in 32 mesi di dicembre. Ad ogni modo, continua ad intensificarsi la pressione dei prezzi, con tassi d’inflazione in aumento sia per i prezzi di acquisto che per quelli di vendita.

La lettura finale di gennaio del PMI manifatturiero dell’Eurozona si è attestata a 55,2 punti, in frazionale rialzo rispetto ai 55,1 punti della prima stima e dai 54,9 di dicembre. Secondo l’analisi condotta da Markit il dato di gennaio è aumentato al valore record in 69 mesi. L’indice PMI ha ormai segnalato una crescita mensile consecutiva da luglio 2013.

I dati PMI nazionali hanno segnalato come la crescita sia stata più veloce in Germania dove il PMI è arrivato a 56,4 punti. Forti crescite sono state inoltre segnalate in Spagna dove raggiunge i 55,6 punti dai 55,3 precedenti con la crescita maggiore da 20 mesi a questa parte. Il dato accelera anche in Francia dove raggiunge i 53,6 punti dai 53,5 di dicembre. Leggera discesa per l’Italia dove l’indice PMI sul manifatturiero è sceso a 53 punti dai 53,2 di dicembre.

Eurozona, migliora il settore manifatturiero
Eurozona, migliora il settore manifatturiero