Eurozona, crescita economica di settembre ai minimi da 20 mesi

(Teleborsa) – Arranca la crescita economica dell’Eurozona.

Secondo la stima preliminare, l’indice PMI composito della produzione nella zona Euro si è attestato a 52,6 punti contro i 52,9 di agosto. La lettura dell’indice PMI è stata elaborata da Markit.

Il flash PMI servizi scende a 52,1 punti contro i 52,8 di agosto e i 52,8 atteso dagli analisti. Valore minimo su 21 mesi. La lettura preliminare del PMI del manifatturiero sale a 52,6 contro i 51,7 di agosto. Valore massimo su 3 mesi. 

La stima del PMI sulla produzione manifatturiera sale a 54 punti dai 53,3 di agosto. Valore massimo su 9 mesi.

Tra i singoli Paesi, troviamo la Germania dove l’indice PMI servizi, è scivolato a 52,7 dai 53,3 punti precedenti. Sale invece quello della Francia che arriva a 53,3 da 51,9.

Commentando i dati dei PMI, Rob Dobson senior economist di Markit ha detto: “Si conclude negativamente il terzo trimestre dell’economia dell’Eurozona. Il tasso di espansione di settembre ha rallentato al valore più basso in venti mesi. Se il quadro generale mostra una crescita trimestrale molto lenta vicina allo 0,3%, resta inoltre chiaro che la ripresa economica è ancora fragile e non riesce a generare alcun tipo di traino reale. Conseguentemente, la creazione di posti di lavoro risulta esitante”.

Eurozona, crescita economica di settembre ai minimi da 20 mesi
Eurozona, crescita economica di settembre ai minimi da 20 mesi