Equitalia, Ruffini: “Sms riscossione per semplificare vita cittadini”

(Teleborsa) – “Ho sempre detto che la riscossione ed Equitalia devono essere poste sullo stesso fuso orario del Paese ed è quello che stiamo facendo. ‘Se Mi Scordo’ è un servizio e questo deve essere il principio centrale del nostro lavoro. Fornire un servizio per poter essere al fianco dei cittadini e non contro”. Così l’amministratore delegato di Equitalia sul nuovo servizio informativo ‘Sms-Se Mi Scordo’.

“Ribaltare prospettiva, sapendo che il ruolo della riscossione è antipatico, mettere al centro la persona, che non è solo un codice fiscale. Un sms può essere utile così come tutto ciò che semplifica e riduce la distanza tra cittadino e pubblica amministrazione, a maggior ragione per la riscossione. Penso ai nostri sportelli dedicati alle imprese e alle partite IVA. Così come alla app Equiclick o al portale di Equitalia che da luglio scorso ha raddoppiato gli accessi, che oggi sono 600 mila al mese. Si può fare meglio e di più per offrire servizi più semplici e moderni, ma abbiamo sperimentato – conclude Ruffini – che migliorando il servizio e con un nuovo approccio ispirato alla fiducia, per quello che è nelle competenze e nei poteri di Equitalia, il cittadino ricambia e cerca di mettersi in regola”.

Le comunicazioni ad oggi previste da ‘Se Mi Scordo’ sono di tre tipologie, spiega l’agenzia, ossia quando a Equitalia viene affidato un debito da riscuotere da uno dei 6.700 enti e in particolare Agenzia delle Entrate, INPS, INAIL, e quindi Comuni (3.500), Province (86), Regioni (18), Ordini professionali territoriali (363), Aziende di trasporti (30) ed altri enti creditori. Quando il contribuente che ha un piano di rateizzazione con Equitalia non ha pagato almeno la metà del numero massimo delle rate previste per decadere. E infine quando manca soltanto una rata prima di decadere dal piano concordato.

Equitalia, Ruffini: “Sms riscossione per semplificare vita cittadini”
Equitalia, Ruffini: “Sms riscossione per semplificare vita citta...