Energia, Antitrust: fenomeno maxi bollette ridotto ma è ancora attuale

(Teleborsa) – Il flusso di segnalazioni sul fenomeno delle maxi bollette per energia elettrica, gas e acqua, è “notevolmente diminuito”, grazie anche a seguito delle sanzioni comminate nei confronti delle società, ma “è ancora attuale”. A dirlo è il presidente dell’Antitrust, Giovanni Pitruzzella, in audizione presso la commissione Attività produttive della Camera sui provvedimenti di tutela dei consumatori sulla emissione delle maxi bollette.

Il numero uno dell’Antitrust ha rilevato che l’Autorità “continua a ricevere segnalazioni da parte dei consumatori in relazione a fatture di conguaglio pluriennali, ben superiori ai due anni, contenenti anche la richiesta di somme prescritte, in particolare per utenze presso le quali è stato cambiato il misuratore gas”. Pitruzzella, ha spiegato che “sarebbe più corretto introdurre espressamente nell’ordinamento un termine breve di prescrizione per l’emissione delle fatture” che dovrebbe essere “ipoteticamente biennale” e riguardare anche i rapporti venditori-distributori, anziché qualificare come pratica commerciale scorretta l’emissione di fatture pluriennali. 

Se non fosse possibile introdurre la prescrizione breve, il presidente ha suggerito di “definire alcuni principi ai quali venditori e distributori dovrebbero attenersi: conguagli solo su base di dati reali, tutte le partite di fatturazione da chiudere entro due anni dall’avvenuto consumo, consentire l’autolettura in ogni caso, obbligo per il venditore di rettificare le letture stimate sulla base delle autoletture consentendo adeguati sistemi per provare l’autolettura comunicata (come la foto del contatore), aumentare il termine di pagamento per i conguagli di importo anomalo, diritto di rateizzare, sospensione del pagamento in caso di contestazione.

Energia, Antitrust: fenomeno maxi bollette ridotto ma è ancora attuale
Energia, Antitrust: fenomeno maxi bollette ridotto ma è ancora a...