Effetto Fed anche sui mercati europei. Vendite sui bancari

(Teleborsa) – Finale all’insegna delle vendite per le principali borse europee che chiudono la prima seduta della settimana in forte ribasso. A pesare sul sentiment degli investitori, è il nervosismo per l’attesa della riunione di politica monetaria della Federal Reserve, in calendario la prossima settimana. Ma i mercati mondiali già scontano ampiamente la possibilità di un rialzo dei tassi di interesse nella riunione del 20 e 21 settembre, dopo che i dati sul mercato del lavoro hanno messo sotto pressione i banchieri statunitensi.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,123. Sessione debole per l’oro, che scambia con un calo dello 0,39%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua la sessione in rialzo e avanza a 46,33 dollari per barile.

Scende lo spread, attestandosi a 123 punti base, con un calo di 3 punti base, mentre il BTP decennale riporta un rendimento dell’1,27%.

Tra gli indici di Eurolandia, calo deciso per Francoforte, che segna un -1,34%. Sotto pressione Londra, con un forte ribasso dell’1,12%.Soffre Parigi, che evidenzia una perdita dell’1,15%. A picco Piazza Affari in chiusura di seduta, con il FTSE MIB che accusa un ribasso dell’1,84%. 

In Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,12 miliardi di euro, restando invariato rispetto alla seduta precedente; i contratti si sono attestati a 253.421, rispetto ai precedenti 237.325, mentre i volumi scambiati sono passati da 0,89 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 1,01 miliardi.

A fronte dei 219 titoli trattati, 181 azioni hanno chiuso in ribasso. Per contro 31 azioni hanno portato a casa un incremento. Poco mosse le altre 7 azioni del listino italiano.

Risultato negativo a Milano per tutti i settori. Tra i peggiori della lista di Piazza Affari, in maggior calo i comparti Media (-2,71%), Assicurativo (-2,68%) e Vendite al dettaglio (-2,48%).

Maglia rosa tra i titoli del FTSE MIB a mostrare un buon guadagno, Moncler ottiene un +1,06%.

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Unipol, che ha chiuso a -4,02%. Tonfo di Unicredit, che mostra una caduta del 3,76%, mentre valuta i pretendenti alla corsa per Pioneer. Lettera su Banca MPS, che registra un importante calo del 3,43%, in attesa di conoscere il suo nuovo timoniere. 

Lettera su Banco Popolare -2,98% e Banca Popolare di Milano -1,98%. Oggi le due banche sono impegnate con i rispettivi CdA, dopo l’OK alla fusione da parte della BCE.

Tra i petroliferi, In apnea Saipem, che arretra del 3,77%, sul ritracciamento del greggio.

Effetto Fed anche sui mercati europei. Vendite sui bancari