Dycom sprofonda dopo i conti trimestrali

(Teleborsa) – Si muove in profondo rosso Dycom Industries, che è in forte flessione dopo la pubblicazione dei risultati del secondo trimestre, mostrando una perdita dell’8,5% sui valori precedenti.

La società di servizi americana ha realizzato utili per 43,7 milioni di dollari, o 1,38 dollari ad azione, contro gli 49,4 milioni, o 1,54 ad azione, dello stesso periodo di un anno fa. Gli utili adjusted sono aumentati a 1,47 dollari, contro il consensus fermo a 1,44, ma i ricavi sono scesi a 780 milioni di dollari rispetto ai 789 milioni realizzati nel 2016 (le attese erano per un fatturato a 799 milioni).

Anche la guidance per i prossimi tre mesi è stata rivista al ribasso: i ricavi dai contratti sono attesi tra i 715 e i 745 milioni (785 milioni il consensus) e gli utili ad azione vengono previsti in un range tra 81 e 96 cent (1,43 dollari il consensus).

Tecnicamente la situazione di medio periodo è negativa, mentre segnali rialzisti si intravedono nel breve periodo, grazie alla tenuta dell’area di supporto individuata a quota 74,46 dollari USA. Lo spunto positivo di breve è indicativo di un cambiamento del trend verso uno scenario rialzista, con la curva che potrebbe spingersi verso l’importante area di resistenza stimata a quota 79,01. A livello operativo, lo scenario più appropriato potrebbe essere una ripresa rialzista del titolo, con area di resistenza individuata a 83,56.

Le indicazioni non costituiscono invito al trading.

(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Dycom sprofonda dopo i conti trimestrali
Dycom sprofonda dopo i conti trimestrali