Dipendenti pubblici: bruciati 12 miliardi all’anno per le retribuzioni

(Teleborsa) – Il congelamento dei salari degli statali, unito al blocco delle assunzioni, ha fruttato alle casse pubbliche 12,6 miliardi in sei anni; è da qui che dovranno ripartire sindacati e ARAN – Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni. Lo scopo sarà mettere a punto le linee guida per rinnovare i contratti di oltre tre milioni di dipendenti.

In queste ore, infatti, si sta svolgendo la riunione: l’ARAN ha convocato il Governo e i rappresentanti dei lavoratori per l’avvio della negoziazione, sui temi generali, in previsione dell’imminente accordo sull’Atto di indirizzo preliminare. Sono diverse le problematiche irrisolte.

“Stipendi al palo dal 2007: i docenti e gli ATA della scuola sono tra i lavoratori più poveri del lavoro privato e pubblico a partire dal 2009. Così non si va da nessuna parte: si faccia marcia indietro subito, altrimenti avvieremo ricorso nei tribunali italiani ed europei”. E’ questo l’amaro commento di Marcello Pacifico, Presidente del sindacato della scuola Anief 

Dipendenti pubblici: bruciati 12 miliardi all’anno per le retribuzioni
Dipendenti pubblici: bruciati 12 miliardi all’anno per le r...