Cambi, l’euro tira il fiato dopo il rally scattato su Trump e inflazione

(Teleborsa) – Giornata all’insegna della correzione per l’euro sul mercato valutario. La moneta unica stamattina ha ritracciato al di sotto dei picchi di 1,08 USD toccati ieri, attestandosi a 1,0784 USD, con una limatura dello 0,13%. 

Cosa ha spinto l’euro negli ultimi giorni? Indubbiamente, i movimenti nervosi della valuta unica, che ha invertito un trend che era al ribasso, sono da imputare al mutamento dello scenario della politica monetaria, in primmis, ed alla politica protezionistica di Donald Trump. 

A dare il via agli acquisti sull’euro è stato, innanzi tutto, il dato sull’inflazione dell’Eurozona, che ha certificato una netta accelerazione dei prezzi, che potrebbe intimorire i banchieri della BCE e spingerli ad una rapida inversione della politica monetaria, con tassi al rialzo. Lo testimonia anche la veloce ascesa dei tassi IRS registrata nell’ultimo periodo. 

Poi, c’è il cosiddetto effetto Trump, che ha delineato una politica protezionistica, che presuppone un dollaro più debole, ma ha anche lanciato delle accuse aperte e pesanti nei confronti della Germania e dell’Euro.

Cambi, l’euro tira il fiato dopo il rally scattato su Trump e inflazione
Cambi, l’euro tira il fiato dopo il rally scattato su Trump e&nb...