BPM-Banco Popolare, Castagna continua a fare pressing sulla fusione

(Teleborsa) – Viaggiano in gran spolvero i titoli di Banca Popolare di Milano e Banco Popolare  che a Piazza Affari si mostrano tra i migliori del principale listino.

A dare vigore alle due banche, il progetto di fusione che si avvicina a grandi passi. Nel fine settimana ci saranno le assemblee di soci dei due istituti  chiamati a deliberare sull’operazione.  

I vertici della Banca Popolare di Milano hanno incoraggiato i soci ad intervenire all’assemblea del 15 ottobre anche attraverso degli incentivi. Una decisione questa che sembra aver portato i suoi frutti. I biglietti staccati per l’assemblea di BPM hanno raggiunto quota 11mila e potrebbero ancora salire, visto che oggi è l’ultimo giorno per prenotarsi.

Intanto, Giuseppe Castagna, amministratore delegato di BPM, in un’intervista al Corriere della Sera parlando della fusione con il Banco Popolare ha dichiarato che questa “è anche una dimostrazione di forza del sistema bancario che ce la può fare”. Alla domanda su cosa accadrà se vinceranno i NO, Castagna ha risposto: “Per BPM sarebbe un’occasione persa.Se venisse bocciata la fusione – ha spiegato – dovrò chiamare un’assemblea per la trasformazione in SPA e da quel momento rischiamo di non essere più padroni del nostro destino”.  

Una posizione quella dell’amministratore delegato che non è nuova dopo che aveva dichiarato che se “i soci non dovessero approvare la fusione la banca sarebbe “facilmente scalabile” e i suoi dipendenti rimarrebbero “senza protezioni”. 

BPM-Banco Popolare, Castagna continua a fare pressing sulla fusione
BPM-Banco Popolare, Castagna continua a fare pressing sulla fusio...