BPER sogna le valtellinesi

(Teleborsa) – Nei sogni di BPER ci sarebbe una fusione con Creval e con la Popolare di Sondrio. Lo ha ammesso l’amministratore delegato, Alessandro Vandelli, spiegando: “sono realtà con le quali abbiamo ottimi rapporti, magari fosse possibile fare qualcosa”.
“Abbiamo buoni rapporti con loro, come con altre popolari, ma francamente in questo momento siamo focalizzati sulla trasformazione, poi si può immaginare che qualcosa succederà. Manca poco, poi vedremo”, ha aggiunto Vandelli riferendosi all’assemblea del 26 novembre. “Prima ci sarà il passaggio della trasformazione in spa quindi al momento non c’è niente” sul tavolo, ha assicurato il top manager.

Intanto il Credito Valtellinese ribadisce il proprio interesse per un’aggregazione con la Popolare di Sondrio. “Per noi sarebbe opportuno aprire un tavolo per approfondire bene i numeri industriali di un’operazione di questo tipo”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Creval, Miro Fiordi, su una possibile integrazione, specificando che “al momento non c’e’ niente”. “Le alternative sul mercato sono tante, stiamo diventando una spa. Non e detto che si debba andare con una popolare o che sia in Italia. Il mondo è ormai aperto, è inutile che ci mettiamo degli steccati”, ha aggiunto poi il manager, ricordando l’appuntamento con l’assemblea del 29 ottobre per la trasformazione in spa. 

Ottimo l’andamento delle banche a Piazza Affari con BPER che sale del 2% circa, Credito Valtellinese del 3,30% e la Pop Sondrio del 2,09%.

BPER sogna le valtellinesi
BPER sogna le valtellinesi