Borse europee prudenti, timori per la stabilità della zona euro

(Teleborsa) – Le principali borse europee tagliano il traguardo di metà seduta confermando l’impostazione rialzista dell’avvio, seppur con un po’ di prudenza. L’entusiasmo, infatti, viene smorzato dai timori legati alla politica e alla stabilità della zona euro, in vista delle elezioni presidenziali in Francia. Resta, invece, in disparte Piazza Affari penalizzata dalla pessima performance registrata dai titoli bancari, sulla scia dei risultati contrastati nel settore.

Seduta in frazionale ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,24%. Nessuna variazione significativa per l’oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.225,6 dollari l’oncia. Seduta positiva per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che porta a casa un guadagno dello 0,94%.

Lo Spread peggiora, toccando i 191 punti base, con un aumento di 5 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale pari al 2,24%.

Tra gli indici di Eurolandia si muove in modesto rialzo Francoforte, evidenziando un incremento dello 0,28%. Bilancio positivo per Londra, che vanta un progresso dello 0,57%. Andamento cauto per Parigi, -0,08%. Segno meno per il listino milanese, in una sessione caratterizzata da ampie vendite, con il FTSE MIB che accusa una discesa dello 0,85%. 

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Costruzioni (+2,13%), Immobiliare (+1,60%) e Materie prime (+0,50%). Nel listino, i settori Telecomunicazioni (-2,46%), Tecnologico (-1,85%) e Banche (-1,29%) sono tra i più venduti.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Buzzi Unicem (+2,90%) il giorno dopo aver annunciato i risultati preliminari del quarto trimestre 2016.

Tonica Ferragamo (+1,58%) premiata da più broker, mentre tra gli energetici si mette in evidenza Tenaris (+0,56%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su BPER che ottiene -7,79% che ha chiuso il 2016 con un utile netto in calo. In difficoltà Banco BPM, con una flessione del 4,27% chiamata oggi alla prova dei risultati.

Vendite a piene mani su Telecom Italia, che soffre un decremento del 2,73%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Beni Stabili (+3,51%) che ha rivisto al rialzo le stime sul MOL 2016 e Salini Impregilo (+2,77%) che si attende un 2017 da record.

Borse europee prudenti, timori per la stabilità della zona euro
Borse europee prudenti, timori per la stabilità della zona euro