Borse europee in negativo con Milano fanalino di coda

(Teleborsa) – Segni meno in chiusura per le principali borse europee, con la Borsa di Milano che perde più di tutte a causa della pesantezza dei bancari. 

Tramontato il capitolo Fed e preso atto delle decisioni della Bank of Japan, le borse stanno dando spazio a qualche realizzo, dopo il rally delle due giornate precedenti, anche in vista dell’avvicinarsi del vertice OPEC. Il petrolio intanto prosegue in rosso.

Non brillanti i dati macro della mattinata, soprattutto il taglio del PIL della Francia e la revisione al ribasso del PIL 2015 dell’Italia. Tentennanti anche le indicazioni fornite dai PMI dell’Eurozona e da quello USA.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,122. L’Oro mostra un timido guadagno dello 0,20%. 

Piccolo passo in avanti dello spread, che raggiunge quota 129 punti base, mostrando un aumento di 1 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari all’1,21%.

Tra i mercati del Vecchio Continente debole Francoforte, con un calo frazionale dello 0,44%, nulla di fatto per Londra, tentenna Parigi, con un modesto ribasso dello 0,45%.

Segno meno per il listino milanese, in una sessione caratterizzata da ampie vendite, con il FTSE MIB che accusa una discesa dell’1,11%; sulla stessa linea il FTSE Italia All-Share, che archivia la giornata a 18.107 punti. Poco sotto la parità il FTSE Italia Mid Cap (-0,67%), come il FTSE Italia Star (-0,3%).

In luce sul listino milanese i comparti Chimico (+1,68%) e Media (+0,70%). Le peggiori performance sono state quelle dei settori Materie prime (-2,25%), Banche (-1,69%) e Vendite al dettaglio (-1,28%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, in primo piano Salvatore Ferragamo, che mostra un forte aumento del 2,59%, dopo la promozione di Kepler Cheuvreux.

Sostenuta Unicredit, con un discreto guadagno dell’1,32%, unica banca in attivo grazie a due upgrade.

Buoni spunti su Mediaset, che mostra un ampio vantaggio dell’1,31%.

Offerte le banche, con UBI Banca che porta a casa un -3,40%.

Tonfo di Intesa Sanpaolo, che mostra una caduta del 3,20%.

Lettera su Banca Popolare dell’Emilia Romagna, che registra un importante calo del 2,93%.

In apnea Mediolanum, che arretra del 2,70%.

Borse europee in negativo con Milano fanalino di coda