Borse europee deboli in avvio

(Teleborsa) – Seduta prudente per le principali borse del Vecchio Continente, dopo i nuovi record segnati ieri dalla borsa di New York mentre Tokyo ha chiuso sui massimi degli ultimi 10 mesi. 

Occhi puntati sul discorso annuale del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker sullo Stato dell’Unione.

Ricca l’agenda macro, con l’inflazione in Germania confermata al +1,8%. Tra gli altri appuntamenti macroeconomici che avranno la maggiore influenza sull’andamento dei mercati, alle 10:30 di stamattina verrà distribuito il Tasso di Disoccupazione del Regno Unito e la produzione industriale dell’Unione Europea.

L’Euro / Dollaro USA scambia sui valori della vigilia a 1,198. Sostanzialmente stabile l’oro, che continua la sessione sui livelli della vigilia a quota 1.331,3 dollari l’oncia. Seduta sulla parità per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che si attesta a 48,2 dollari per barile.

Invariato lo spread, che si posiziona a 163 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si attesta al 2,01%.

Tra i listini europei Francoforte è stabile -0,14%, Londra mostra una flessione dello 0,61% mentre Parigi resta sulla parità +0,02%.

Sosta sui livelli della vigilia anche la Borsa di Milano, con il FTSE MIB che si attesta a 22.236 punti; sulla stessa linea il FTSE Italia All-Share, che rimane a 24.532 punti. Sui livelli della vigilia il FTSE Italia Mid Cap (-0,2%), come il FTSE Italia Star (-0,1%).

Apprezzabile rialzo (+0,80%) a Milano per il comparto Costruzioni. Tra i più negativi della lista di Piazza Affari, troviamo i comparti Chimico (-1,29%), Tecnologico (-0,91%) e Beni personali e casalinghi (-0,70%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Banco BPM (+1,68%), Buzzi Unicem (+1,37%), Mediobanca (+1,03%) e BPER (+0,75%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Luxottica -1,31%. Sotto pressione STMicroelectronics, che accusa un calo dell’1,08%. Dimessa Mediaset, che si adagia poco sotto i livelli della vigilia. Fiacca CNH Industrial, che mostra un piccolo decremento dello 0,93% dopo aver annunciato il regolamento del prestito garantito. Invariata Generali che ha chiuso con l’Olanda. 

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Sogefi (+2,20%), Biesse (+1,11%), Safilo (+1,05%) e Acea (+0,70%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Juventus -1,58%. Scivola Rai Way, con un netto svantaggio dell’1,25%. In rosso RCS, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,18%. Spicca la prestazione negativa di Sias, che scende dell’1,16%.

Borse europee deboli in avvio
Borse europee deboli in avvio