Borse europee caute. Milano in rosso

(Teleborsa) – Finale al ribasso per la Borsa di Milano, in un contesto europeo cauto, nella giornata dedicata alle scadenze tecniche.  

Seduta in frazionale ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che lascia sul parterre lo 0,46%. L’Oro mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1.238,2 dollari l’oncia. Lieve calo del petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scende a 53,05 dollari per barile.

Torna a salire lo spread, attestandosi a 188 punti base, con un aumento di 6 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 2,17%.

Tra i mercati del Vecchio Continente resta vicino alla parità Francoforte, Londra registra un moderato aumento dello 0,30% mentre Parigi segna una flessione dello 0,65%.

Chiusura in frazionale ribasso per Piazza Affari, con il FTSE MIB che lascia sul parterre lo 0,42%. In lieve calo il FTSE Italia All-Share, che archivia la giornata sotto la parità a 20.836 punti. Poco sotto i livelli precedenti il FTSE Italia Mid Cap (-0,4%); guadagni frazionali per il FTSE Italia Star (+0,25%).

A Piazza Affari risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,77 miliardi di euro, con un incremento di ben 473,2 milioni di euro, pari al 20,61% rispetto ai precedenti 2,3 miliardi; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,72 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,8 miliardi di azioni.

A fronte dei 217 titoli scambiati, sono giunte richieste di acquisto per 77 azioni. In lettera invece 129 titoli. Pressoché stabili le rimanenti 11 stocks.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Media (+1,04%) e Assicurativo (+0,42%). Tra i più negativi della lista del listino azionario italiano, troviamo i comparti Chimico (-2,40%), Petrolifero (-1,91%) e Costruzioni (-1,24%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, brilla Mediaset, con un forte incremento (+2,33%) su voci di un accordo per la vendita di Premium a Sky. 

Ottima performance per Unicredit, che registra un progresso del 2,14% nel’ultimo giorno di trattazione in borsa dei diritti.

Piccolo passo in avanti per Poste Italiane, che mostra un progresso dello 0,75%.

Composta UnipolSai, che cresce di un modesto +0,6%.

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su BPER, che ha archiviato la seduta con un -3,10%. 

Vendite a piene mani su UBI Banca, che soffre un decremento del 2,05%.

Calo deciso per Saipem, che segna un -1,99%.

Sotto pressione ENI, con un forte ribasso dell’1,94%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, CIR (+5,87%), Aeroporto di Bologna (+5,07%), Banca Ifis (+2,94%) e Cementir (+2,02%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Anima Holding, che ha chiuso con un -4,42%. Pessima performance per Credito Valtellinese, che registra un ribasso del 3,39%. Sessione nera per Astaldi, che lascia sul tappeto una perdita del 2,46%. Soffre Diasorin, che evidenzia una perdita dell’1,81%.

Borse europee caute. Milano in rosso
Borse europee caute. Milano in rosso