Borse europee bersagliate dalle vendite

(Teleborsa) – Seduta nera per Piazza Affari e per le altre borse europee, che archiviano la seduta al ribasso. La Borsa di Milano è seconda nelle vendite solo alla Piazza di Madrid.

A pesare sui mercati le tensioni geopolitiche dopo l’escalation di minacce tra USA dalla Corea del Nord che hanno fatto impennare la volatilità ed il valore dei beni rifugio.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,2%. Stabile l’Oro che riporta una variazione pari a +0,09%. Lieve calo del petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scende a 48,34 dollari per barile.

Tra i mercati del Vecchio Continente al palo Francoforte. Vendite su Londra, che soffre un calo dell’1,08%, segue Parigi, che registra un ribasso dell’1,06%. Scambi in ribasso per la Borsa di Milano, che accusa una flessione dell’1,51% sul FTSE MIB.

In questa pessima giornata per la Borsa di Milano, nessuna Blue Chip mette a segno una performance positiva.

Giornata no per Saipem che ha chiuso a -3,50%.

Vendite a piene mani su Ferrari che soffre un decremento del 2,95%.

Giù anche CNH Industrial, che registra un ribasso del 2,57%.

Sessione nera per Exor, che lascia sul tappeto una perdita del 2,91%.

Male i titoli bancari con UBI  che cede il 2,94%, Mediobanca  arretra del oltre il 2%, Banco BPM  dell’1,76%

In calo STMicroelectronics che flette del 2,79% risentendo della pessima performance dei tech USA.

Resiste alle forti venditi Moncler  che registra un piccolo ribasso dello 0,13%

Borse europee bersagliate dalle vendite
Borse europee bersagliate dalle vendite