Borsa Milano gira in rosso con gli energetici

(Teleborsa) – Piazza Affari ripiega con gli altri Eurolistini, dopo un avvio migliore, ispirato dal rimbalzo dei titoli bancari che hanno poi invertito la rotta. 

Il clima è ancora molto incerto a causa delle tensioni a livello politico, che si riflettono sulle tematiche economiche, soprattutto in Europa dove permangono spinte euroscettiche.  

Le precisazioni della cancelliera tedesca Angela Merkel sull’ipotesi di un’Europa divisa in due, esclusa da Berlino, hanno aiutato molto poco i mercati europei, che risentono anche de calo del petrolio e della tendenza all’aumento degli Spread sui bond governativi della “periferia” europea: il differenziale BTP-Bund resta pericolosamente sui 200 punti. 

Le incertezze si riversano sul cambio Euro / Dollaro USA, che mantiene un calo dello 0,38%.

Tra le principali Borse europee si conferma in lieve recupero Francoforte, con un +0,13%, più debole Londra, che segna un -0,17%, moderatamente positiva Parigi, che sale di un frazionale +0,42%. Gira in rosso la Borsa di Milano, che mostra sul FTSE MIB un calo dello 0,26%.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, guadagno moderato per Banco BPM, che avanza dello 0,92%, e per Unicredit, che segna un incremento marginale dello 0,81%.

Giornata moderatamente positiva per Enel, che sale di un frazionale +0,72%.

La peggiore è Yoox, che prosegue le contrattazioni a -3,47%, dopo un esordio tonico sulla scia delle indicazioni positive giunte dai conti pubblicati ieri sera. 

Giù i titoli del comparto oil, con Tenaris che scende dell’1,43% e Saipem, che segna un -1,42%.

Sotto pressione Buzzi Unicem, con un forte ribasso dell’1,23%.

Fra le società più piccole del Listino vanno segnalati ottimi spumnti su MolMed  (+9,94%) dopo l’accordo con TTY Biopharm, e Primi sui Motori (+7,74%), grazie al piano industriale.

Borsa Milano gira in rosso con gli energetici
Borsa Milano gira in rosso con gli energetici