Bilancio UE incentrato su rafforzamento economia e sostegno ai rifugiati

(Teleborsa) – Come proposto nei mesi scorsi dalla Commissione, nel 2017 l’UE spenderà di più per rendere l’Europa più competitiva e sicura. Allo stesso tempo, maggiori risorse saranno destinate a finanziare l’accoglienza e l’integrazione dei rifugiati e ad affrontare le cause di fondo della migrazione nei paesi di origine e di transito.

Dopo l’intesa sul bilancio per il 2017 che prevede quasi 160 miliardi di euro in impegni e circa 135 miliardi in pagamenti, Kristalina Georgieva, vicepresidente della Commissione europea, responsabile del bilancio e delle risorse umane, ha dichiarato: “Abbiamo fatto davvero tutto il possibile per assicurare le risorse per un bilancio che servirà al meglio gli interessi di tutti i cittadini. Il bilancio dell’UE per il 2017 contribuirà quindi ad ammortizzare gli choc, stimolando la nostra economia e aiutando ad affrontare problematiche quali la crisi dei rifugiati. Continuiamo a imperniare il nostro bilancio sui risultati, facendo in modo che ogni euro del bilancio dell’UE faccia la differenza.”

Il bilancio dell’UE per il 2017 è fissato a 157,9 miliardi di euro in stanziamenti di impegno e a 134,5 miliardi inpagamento. I suoi elementi principali sono i seguenti.

Quasi la metà dei fondi – 74,9 miliardi di euro in stanziamenti di impegno – servirà a stimolare la crescita, l’occupazione e la competitività. Ad esempio, 21,3 miliardi  saranno destinati a programmi come Orizzonte 2020, Erasmus+, COSME e al meccanismo per collegare l’Europa (CEF), mentre 2,7 miliardi andranno al Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), lo strumento alla base del Piano di investimenti per l’Europa.

Altri 53,59 miliardi di saranno destinati a promuovere la convergenza tra gli Stati membri e fra le regioni tramite i Fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE).

Il sostegno a favore degli agricoltori europei ammonta a 42,6 miliardi.

Quasi 6 miliardi serviranno a rafforzare la protezione delle nostre frontiere esterne e ad affrontare la migrazione e la crisi dei rifugiati.

Metà di questo importo finanzierà azioni all’interno dell’UE, l’altra metà sarà destinata ad azioni al di fuori dell’UE per affrontare le cause profonde della migrazione. In questo ambito, un totale di 200 milioni sarà destinato al nuovo strumento per fornire assistenza umanitaria all’interno dell’UE.

Bilancio UE incentrato su rafforzamento economia e sostegno ai rifugiati
Bilancio UE incentrato su rafforzamento economia e sostegno ai ri...