Bankitalia, la spesa delle famiglie sul conto corrente scende a 76,5 euro

(Teleborsa) – Per il 2015, la spesa media di gestione di un conto corrente è stata di 76,5 euro, in diminuzione di 5,8 euro rispetto al 2014. E’ quanto emerge dai risultati dell’indagine Bankitalia sull’onerosità dei conti correnti delle famiglie.

L’indagine stima la spesa media di gestione di un conto corrente calcolata sull’operatività svolta da un campione rappresentativo di clienti e tenendo conto degli oneri e delle commissioni effettivamente addebitati nel corso del 2015 e documentati negli estratti conto di fine anno. Dal perimetro dell’indagine sono escluse possibili variazioni delle condizioni contrattuali avvenute nel corso del 2016.

La diminuzione, spiega Palazzo Koch è dipesa principalmente dai “minori oneri fissi” – tra questi principalmente i canoni di base – e dalle “minori commissioni applicate” sulle disposizioni effettuate dalla clientela. Questo risultato, spiegano da Via Nazionale, si inquadra in una “fase di progressiva riduzione” della spesa: tra il 2010 e il 2015 la spesa media è diminuita del 3,4% annuo per una variazione complessiva di 14,6 euro (era pari a 91,1 euro nel 2010). La contrazione della spesa è dipesa per l’86% dalle minori spese fisse e per la parte restante dalle minori commissioni applicate sulle disposizioni. 

Sempre nel 2015, gli oneri per la commissione di messa a disposizione dei fondi, applicate sulle aperture di credito in conto corrente, sono rimasti stabili intorno all’1,6% del credito accordato. Anche le commissioni unitarie di istruttoria veloce, applicate sugli scoperti di conto, hanno registrato una diminuzione sia per i conti affidati (da 34,8 a 29,7 euro) sia per quelli non affidati (da 27,4 a 26,9 euro).

Bankitalia, la spesa delle famiglie sul conto corrente scende a 76,5 euro
Bankitalia, la spesa delle famiglie sul conto corrente scende a 76,5&n...