Banco BPM debutta in “pompa magna”

(Teleborsa) – Debutto spumeggiante in Borsa per il Banco BPM. Le azioni del terzo polo bancario italiano nato dalla fusione del Banco Popolare e Banca Popolare di Milano hanno aperto il nuovo anno con un guadagno di oltre il 9% terminando la seduta a quota 2,5 euro.

Il gruppo bancario che è il terzo in Italia, dopo Unicredit e Intesa San Paolo aveva aperto la giornata a 2,252 euro.

Oggi sono state revocate dalle negoziazioni sul Listino le”vecchie” azioni della Popolare di Milano e del Banco Popolare.  Vale la pena di ricordare che la fusione fra i due istituti ha previsto un concambio di azioni nel rapporto di 1 azione Banco BPM ogni azione Banco Popolare (alla pari) ed 1 azione Banco BPM ogni 6,386 azioni Banca Popolare di Milano.

Ieri dalla prima riunione del CdA di Banco BPM che si è svolta sotto la presidenza di Carlo Fratta Pasini, il Board ha confermato Amministratore delegato Giuseppe Castagna e ha nominato i due vice presidenti Guido Castellotti e Maurizio Comoli. Il direttore generale è Maurizio Faroni, ed i due condirettori generali, Domenico De Angelis e Salvatore Poloni.

Banco BPM debutta in “pompa magna”
Banco BPM debutta in “pompa magna”