Banche: rapine giù del 90%. Adesso il “malloppo” è digitale

Lo rivelano i dati Ossif: nel 2007 se ne sono registrate quasi 3.000 contro le appena 360 dello scorso anno

(Teleborsa) Ladri 2.0. I tempi cambiano, i truffatori pure e si “aggiornano” per stare al passo con le nuove tecnologie.  Le rapine in banca, negli ultimi dieci anni  sono calate del 90%. Lo rivelano i dati Ossif, il centro di ricerca sulla sicurezza anticrimine dell’Associazione Bancaria Italiana: nel 2007 se ne sono registrate quasi 3.000, contro le appena 360 dello scorso anno (in pratica, una al giorno in media).

Ci sono addirittura quattro regioni a “rapina zero”: Friuli Venezia Giulia, Sardegna,Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta. Ma anche le zone a rischio più elevato come le metropoli registrano cali interessante: nella Capitale la diminuzione da un anno all’altro è del 43%.

Finalmente una buona notizia, starete pensando. E invece no. Da un po’ di tempo, infatti, le truffe corrono (e quanto) online. Così tanto che negli ultimi anni si è verificato un vero e proprio boom delle truffe digitali: basti pensare che prendendo in considerazione lo stesso periodo, sono addirittura esplose. Lo dice il rapporto Clusit 2017 sulla sicurezza informatica che indica le banche come il terzo settore più colpito in Italia dal cybercrime, con un aumento del 64% degli attacchi nel giro di un anno. Nel mirino, i conti correnti online che sono diventati uno degli obiettivi principali degli hacker. Sono poche, infatti, le persone che possono contare su adeguate competenze informatiche in grado cioè di riconoscere una truffa.

Un rischio incombente del quale anche le aziende sembrano essersi rese conto. Secondo il Risk Barometer 2017,  fino a 3 anni i rischi legati al cyber-crime erano nei pensieri più lontani delle aziende occupando il15esimo posto nella classifica generale, mentre quest’anno fanno un deciso balzo in avanti agguantando addirittura il 2° posto nelle Americhe e in Europa, mentre a livello globale entrano nella temutissima top 3.  Rispetto allo scorso anno, la crescita di questa minaccia sale di ben 11 punti percentuali.

Anche le banche corrono ai ripari. O almeno ci provano e hanno iniziato a investire per prevenire le truffe digitali. Il terreno da recuperare è tantissimo visto che, al contrario, i pirati informatici sembrano essere aggiornatissimi.

Banche: rapine giù del 90%. Adesso il “malloppo” è digitale
Banche: rapine giù del 90%. Adesso il “malloppo” è ...