Banca Etruria, liquidatore chiede 400 mln agli ex amministratori

(Teleborsa) – La cattiva gestione di Banca Etruria potrebbe costare agli ex amministratori 400 milioni di euro. Tanto è stato chiesto dal liquidatore della banca, Giuseppe Santoni, agli ex consiglieri e sindaci davanti al tribunale civile di Roma. Secondo le indiscrezioni stampa la richiesta sarebbe stata avanzata “per i danni causati dalla loro cattiva gestione” e avrebbe come obiettivo quello di risarcire quella parte di obbligazionisti subordinati che non hanno ottenuto il rimborso completo dei bond.

Sarebbero 37 le persone coinvolte nella vicenda che portarono l’istituto al fallimento e i risparmiatori alla rovina. Tra loro anche l’ex vicepresidente Pierluigi Boschi, padre della sottosegretaria Maria Elena.

Banca Etruria, liquidatore chiede 400 mln agli ex amministratori
Banca Etruria, liquidatore chiede 400 mln agli ex amministratori