Autostrade, la responsabilità sociale del gruppo SIAS fa perno sulla sicurezza

(Teleborsa) – Autostrade e sicurezza, un binomio irrinunciabile per una società come SIAS che lavora nella gestione delle autostrade e nelle infrastrutture. Ed è proprio sulla sicurezza che la società controllata dal Gruppo Gavio ha deciso di puntare per attuare la Corporate Social Responsibility (CSR) e redigere il Sustainability Report (Report Sostenbilità).

SIAS è alla sua prima esperienza nel campo, il primo bilancio di sostenibilità è stato approvato a marzo di quest’anno dal CdA ed è riferito all’anno 2016. I driver del piano poggiano su territorio ed ambiente, innovazione, salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e, soprattutto sicurezza stradale.
E’ quest’ultimo aspetto sul quale SIAS sta lavorando ed ha portato ad una riduzione degli incidenti mortali di quasi il 40% nel 2016, ma anche sugli aspetti relativi all’ambiente, con ben il 42% di rifiuti riciclati sui 90 chilometri di barriere anti rumore predisposte. Per non tralasciare la politica del lavoro con il 94,5% dei suoi 2.404 dipendenti con contratto a tempo indeterminato.

Abbiamo incontrato il Responsabile della comunicazione del Gruppo Gavio, Giovanni Frante, alla presentazione della relazione “sostenibilità sommersa” di Codacons e Comitas, ed abbiamo chiesto come la società orienterà i suoi investimenti dopo la recente sigla degli atti aggiuntivi con il MIT e quali sono i principali obiettivi in tema di sostenibilità. 

Frante ci ha spiegato che il gruppo è alla sua prima esperienza in tema di bilancio di sostenibilità e che la politica del gruppo è quella di migliorare i rapporti con tutti gli stakeholders, quindi con propri clienti e con i propri azionisti e con una particolare attenzione ai temi della sicurezza sulle autostrade.

“In questo senso vogliamo incrementare sempre più le nostre politiche, il gruppo SIAS redige in particolare una campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza autostradale, che è visibile sul sito autostradefacendo.it”, ha spiegato il manager di Gavio, che controlla SIAS con una quota del 70% (la quota residua è il flottante sul mercato di Piazza Affari).

Il sito, ha sottolineato Frante “è diventato una sorta di guida per l’ONU e per molte associazioni di settore e quindi produciamo materiale sui comportamenti sostenibili dei nostri utenti della strada”.

“Perché crediamo che noi dobbiamo migliorare la nostra performance e coinvolgiamo i nostri utenti”, ha conclusoò. 

Autostrade, la responsabilità sociale del gruppo SIAS fa perno sulla sicurezza
Autostrade, la responsabilità sociale del gruppo SIAS fa perno sulla&...