Appiattita la performance delle Borse europee

(Teleborsa) – Seduta prudente per le principali borse del Vecchio Continente, in attesa del discorso del presidente eletto americano Donald Trump. 

Seduta in frazionale ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,31%. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.189,5 dollari l’oncia. Segno più per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), in aumento dello 0,77%.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota 163 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,90%.

Tra i mercati del Vecchio Continente nulla di fatto per Francoforte, incolore Londra, senza slancio Parigi.

Nessuna variazione significativa per il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 19.385 punti.

In luce sul listino milanese i comparti Beni personali e casalinghi (+2,29%), Telecomunicazioni (+1,94%) e Tecnologico (+0,54%). Tra i più negativi della lista di Milano, troviamo i comparti Vendite al dettaglio (-1,36%), Banche (-1,23%) e Costruzioni (-0,85%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, su di giri Banca Mediolanum (+3,22%). Acquisti a piene mani sul lusso per i benefici del patent box. Richiesta Moncler, che vanta un incremento del 3,06%. Effervescente Luxottica, con un progresso del 2,29%. Incandescente Azimut, che vanta un incisivo incremento del 2,20%.
Le peggiori performance, invece, si registrano su Banco BPM, che ottiene -2,51%. In caduta libera Unicredit, che affonda del 2,09%. Pesante Banca Popolare dell’Emilia Romagna, che segna una discesa del 2,03% in attesa del Consiglio di Amministrazione di domani per discutere sul dossier CariFerrara. Calo deciso per Yoox, che segna un -1,75%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Tod’s (+11,10%) dopo l’ingresso nel capitale di Bonomi, El.En (+3,73%), Technogym (+3,11%) e Geox (+2,02%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Danieli, che ottiene -1,52%.

Appiattita la performance delle Borse europee
Appiattita la performance delle Borse europee