Alitalia, contratto lavoro scaduto “fiducia in nuovo accordo”

(Teleborsa) – Alitalia ha avviato nei giorni scorsi un confronto con le organizzazioni sindacali sulla situazione aziendale e nella prospettiva della rinegoziazione del contratto collettivo di lavoro, in scadenza proprio oggi 31 dicembre.

La compagnia aerea afferma in una nota di essere “fiduciosa che sarà trovata la migliore intesa possibile”, in linea con l’obiettivo complessivo che l’Azienda si è posta con la seconda fase del piano industriale che prevede da un lato una riduzione dei costi e, dall’altro, un incremento dei ricavi; “traguardi necessari per garantire la sostenibilità di lungo termine della Compagnia”.

In attesa che si arrivi presto alla definizione di un nuovo contratto collettivo di lavoro che possa garantire alla Compagnia di essere più efficiente in un mercato del trasporto aereo sempre più competitivo, Alitalia fa sapere che “il trattamento retributivo e normativo riconosciuto a ciascun dipendente resterà invariato, con il congelamento delle retribuzioni al 31 dicembre 2016”.

Il confronto con le organizzazioni sindacali proseguirà nei prossimi giorni.

Ieri, Alitalia è corsa ai ripari, decidendo di chiudere le tratte in perdita, compresa la Malpensa-Fiumicino. La decisione sarebbe stata presa proprio in un’ottica di un contenimento dei costi, viste le difficoltà che la compagnia aerea sta incontrando negli ultimi tempi. Lo stop ai voli da Milano Malpensa verso Roma, tre collegamenti al giorno, sarebbe previsto dal 1° febbraio 2017. Le perdite su questa sola tratta si aggirano sui circa sei milioni di euro l’anno.

Alitalia, contratto lavoro scaduto “fiducia in nuovo accordo”
Alitalia, contratto lavoro scaduto “fiducia in nuovo accord...