Alcoa ritira decisione di smantellare stabilimento di Portovesme

(Teleborsa) – Alcoa ritira l’annunciata decisione di smantellare lo stabilimento di Portovesme per un periodo di 12 mesi. E’ quanto previsto dall’accordo preliminare siglato da Alcoa e Invitalia. Il colosso dell’alluminio rimarrà comunque responsabile per la bonifica del suolo e della falda acquifera in relazione all’inquinamento sinora prodotto dallo stabilimento e facendosi carico dei connessi oneri economici.

Che lo smantellamento da parte di Alcoa del sito  Portovesme fosse scongiurato, lo aveva preannunciato Rocco Palombella.
Nei prossimi 30 giorni Invitalia effettuerà una due diligence dell’impianto indispensabile per la ricerca di un nuovo investitore.

L’accordo stabilisce infatti che MISE ed Invitalia ricercheranno nei prossimi 12 mesi un investitore disponibile ad acquisire la proprietà, rimettere in funzione lo stabilimento e restituire prospettive occupazionali ai lavoratori del Sulcis.

Qualora entro i prossimi 12 mesi si trovi un investitore, Alcoa si impegna a trasferire ad Invitalia lo stabilimento a titolo gratuito, nonché una dotazione di capitale che la due diligence stabilirà essere necessaria a rimettere in funzione l’impianto.

Invitalia contestualmente trasferirà, di nuovo a titolo gratuito, la proprietà e la dotazione finanziaria all’investitore che riavvierà la produzione. Alcoa sarà così liberata da tutti gli oneri, con eccezione di quelli per la bonifica.

Nel caso in cui, invece, non dovesse essere possibile trovare entro i prossimi 12 mesi un investitore interessato, Alcoa trasferirà ad Invitalia l’impianto e, di concerto con Invitalia stessa, provvederà al suo smantellamento, sopportandone i relativi oneri e restando comunque responsabile della bonifica necessaria e del relativo costo.

Alcoa ritira decisione di smantellare stabilimento di Portovesme
Alcoa ritira decisione di smantellare stabilimento di Portovesme